lunedì 23 novembre 2015

Lo sguardo della Bellezza







Rosa tra i fiori: sei bellezza che si crogiola, vive solo ne e di sguardo altrui, di quello soltanto gode sapendo che, quale rosa e come bellezza, non esisterà che per l’istante, comunque e sempre troppo breve, dello sguardo. Esisti perché ti immaginano esistere, tu rosa che non colsi
Tu vacuità inutile a stordire, ricercata mai avuta
nulla porti in più a ciò che serbo; resta ferma e vivi e muori: da ferma. E che cali l'oblio, scoprendoti stupefatta.




(Estratto da 'Lughe de Chelu', autobiografia romanzata)


Nessun commento:

Posta un commento

Sulle dinamiche perverse nell’uomo: essere o dover apparire ‘umili’?. Fede ( appunti, 2018: l’irrimediabile condizione di esseri individuali come origine primordiale del dolore umano? - II )

(...) in verità mi domando: quanto ci adattiamo, attraverso un ruolo pubblico o nella vita privata, a dinamiche perverse di vit...