martedì 26 gennaio 2016

'Intellettuali'?









E mi chiedi dove sillabavano, ieri, certi pennivendoli, aspiranti dei, falsi d’autore che rispondono pure non chiamati al pomposo nome d’intellettuali…quando l’imperatore già nudo sedeva e tutti per convenienza zittivano, genuflessi.
Provo tristezza per un popolo talmente disperato –eppure non ancora cosciente– 

da affidarsi cieco e sordo a quei falsi profeti che a tutto mirano, tranne che alla consapevolezza del popolo.





(da 'Di Carne Assente o il Monologo della Candela', 
dramma teatrale in quattro atti a tema sociale e politico)
Immagine: Nikolai Blokhin





Nessun commento:

Posta un commento

Sulle dinamiche perverse nell’uomo: essere o dover apparire ‘umili’?. Fede ( appunti, 2018: l’irrimediabile condizione di esseri individuali come origine primordiale del dolore umano? - II )

(...) in verità mi domando: quanto ci adattiamo, attraverso un ruolo pubblico o nella vita privata, a dinamiche perverse di vit...