domenica 29 maggio 2016

La Nostra Costituzione: Noi








La nostra Costituzione, Porto della Libertà, caposaldo della Repubblica, rappresenta un profondo impegno, un polo di orientamento, una responsabilità da eseguire quotidianamente.
Su ogni Articolo della Carta hanno sanguinato Fratelli; la loro promessa, urlata, oggi è la nostra:
Costituzione Faro, Templio, Monumento; la conquista che gli Italiani, vigilanti, hanno il preciso dovere di proteggere e anche ferocemente, quando e se non rispettata o manipolata da autorità politiche deviate e devianti. Non si cambia la Costituzione, si cambiano i vertici politici che tentano di sminuirla o schiacciarla e, con Essa, cancellare Patria e Storia, la dignità di un Popolo.








1 commento:

  1. Rivedo lo studente che attacca pubblicamente la Boschi; se strumentalizzato politicamente o meno lo dirà il tempo. Comunque splendido Vento Ribelle.
    Rivelatorio e da godere il faccino stizzito della ns (impunita) Principessa sul pisello ma senza Reame, un poco quanto resta rivelatoria
    (penoso esempio per le nuove generazioni)
    la censura imposta al ragazzo.
    Eh si che la censura puzza di regime, eh si che ancora, qui, in troppi sono convinti di (sopraV)vivere (in) una Repubblica democratica.
    Il 'Terzo mondo' è questo, amici miei, ma pare che parlarne non basti più; ci zittiscono i figli (e gli adulti dove erano?), ci bastonano i figli se scioperano senza permesso (?) e i genitori sorridono, a testa bassa.
    I muli saprebbero ribellarsi con più dignità.

    RispondiElimina

Sulle dinamiche perverse nell’uomo: essere o dover apparire ‘umili’?. Fede ( appunti, 2018: l’irrimediabile condizione di esseri individuali come origine primordiale del dolore umano? - II )

(...) in verità mi domando: quanto ci adattiamo, attraverso un ruolo pubblico o nella vita privata, a dinamiche perverse di vit...