domenica 1 maggio 2016

Querce robuste, non Eroi








Non dimentichiamo gli assassini, non dimentichiamo quanti, per uno Stato indifferente o assente e per l’omertà dei più, hanno dovuto ‘farsi’ eroi.
Anche una ghianda può, nel cuore, portare la magnifica quercia che diverrà; ogni uomo può farsi protagonista del proprio quotidiano e farlo tramite piccole azioni che, col tempo, potranno –ci auguriamo- essere emulate.
Un mondo giusto deve necessitare di querce dalle radici profonde e robuste, non di eroi.




 Ph. by Leon Gimpel, 1915


 



Nessun commento:

Posta un commento

Sulle dinamiche perverse nell’uomo: essere o dover apparire ‘umili’?. Fede ( appunti, 2018: l’irrimediabile condizione di esseri individuali come origine primordiale del dolore umano? - II )

(...) in verità mi domando: quanto ci adattiamo, attraverso un ruolo pubblico o nella vita privata, a dinamiche perverse di vit...