giovedì 8 settembre 2016

Appello alle Forze intellettuali del Paese







Rinnovo il mio appello pubblico alle forze intellettuali del Paese: è lapalissiano che non è più tempo di silenzi ambigui, di mezze misure, di NON prese di posizione. Quanti non sostengono i più deboli è perché, semplicemente, hanno comodo non farlo; una Popolazione per lo più frastornata da tempi ed eventi necessita di confronto critico diretto e costante, di consapevolezza, chiarezza, conoscenza.
Forte responsabilità civile è quella che tocca o dovrebbe, oggi più che mai, ogni (vero) autore italiano:
parliamo di Uomini amici miei, non Lettori.






 (Ph. Pompei, scavi. Mitoraj)


Nessun commento:

Posta un commento

Sulle dinamiche perverse nell’uomo: essere o dover apparire ‘umili’?. Fede ( appunti, 2018: l’irrimediabile condizione di esseri individuali come origine primordiale del dolore umano? - II )

(...) in verità mi domando: quanto ci adattiamo, attraverso un ruolo pubblico o nella vita privata, a dinamiche perverse di vit...