mercoledì 18 gennaio 2017

Cartoline di nuovi Incontri







 
Cosa sarebbe un artista senza il suo Pubblico? Semplicemente non sarebbe. Il Pubblico fiuta la bugia, odora la maschera: inganna il tuo Pubblico ma sarà per poco, e comunque ingannerai te stesso. Oltre duecento ragazzi del Liceo E.Fermi in Sciacca mi hanno accolto -anche grazie all'impegno delle Prof.sse Nadia Burgio, Maria Monterosso quindi la Dirigente Scolastica Prof.ssa Giuseppa Diliberto- con immenso calore ed emozione: un confronto critico costante durante una giornata dalla quale sono uscita più ricca, felicemente svuotata di ogni energia. 






Eppoi le interviste di prassi, il Reading nella magnifica ex Chiesa Santa Margherita, l'incontro con nuovi amici poeti tra i quali il caro Enzo Mulé ancora docenti, dirigenti e alunni ed il mio editore per la Sicilia Angelo Mazzotta, in quell'antico Borgo-Presepio che è Caltabellotta a Le Querce di Giuseppina Bonafede e lo Chef Giuseppe Pumilia cibo e vino tinto da ricordare, e che consiglio. Altro grazie dovuto a La Lanterna di BaChi,nel centro storico della 'mia' Sciacca: a me e Gabriel lascia un dolce, caldo ricordo del soggiorno. 









Su tutto, l' abbraccio che si rinnova, anche attraverso la lontananza -ché sempre e solo fisica- a Francesco Favetta Presidente del Lions Club Sciacca Terme, alle mie due Grazie quindi gli Amici Lions tutti, sempre attentissimi ad Arte e Cultura mirate alla crescita comune. Siete nel cuore, e lo sapete.
Qualche scatto ricordo, per Voi Lettori. 










Nessun commento:

Posta un commento

L' eterno alibi per non fare

Non amai che la rosa che non colsi. E' semplice dire, delusi, "Avrei voluto ma...", o "Volevo farlo ma mi è st...