sabato 18 marzo 2017

Salvini e Napoli






Salvini e Napoli. Ma chi è questo piccolo nazifascista che parla strombettando dalla parte della coda? Iscritto all’Università a 19 anni e mantenuto dalla ricca famiglia senza mai conseguire una Laurea (in questo senso il figliol prodigo di Bossi è stato più furbo, comprandola), bela da un canale all’altro violentando le culture –tutte- con le parole.
E sebbene, per la nostra Costituzione, l'apologia del fascismo rappresenti reato; lo Stato pesta a sangue i civili partenopei impoveriti, disperati, sfidati con una presenza, la Capra Verde, fuori luogo e tempo massimo. Eppure è risaputo che durante il 2010 la Lega abbia utilizzato per il Nord Italia oltre 50 miliardi di euro destinati al mezzogiorno (fondi FAS): Expo, 98,8% di fondi ferrovie destinati al nord (1,9% al sud), autostrade, multe pagate su quote latte degli allevatori del nord, sconti su carburante concesso ad automobilisti di Valle d’Aosta, Piemonte, Lombardia e Trentino.
Mio malgrado devo ammettere che, da sarda, rimpiango di non avere politici così ‘furbi’ da usare per l' isola, e non per loro, certi Fondi che risolverebbero più di un problema.
In questa sempre più povera Italia dove la politica sembrano farla solo i comici; e non mi riferisco a Grillo.
Soprattutto sulle quote latte, in Sardegna, avremmo potuto congiurare qualcosa di costruttivo per il bene comune; ci è andata male anche stavolta.




Nessun commento:

Posta un commento

Sulle dinamiche perverse nell’uomo: essere o dover apparire ‘umili’?. Fede ( appunti, 2018: l’irrimediabile condizione di esseri individuali come origine primordiale del dolore umano? - II )

(...) in verità mi domando: quanto ci adattiamo, attraverso un ruolo pubblico o nella vita privata, a dinamiche perverse di vit...