sabato 15 aprile 2017

Dal mio Selene Luce di Resurrezione






Questo anno desidero che il mio Augurio di una potente Luce di Resurrezione giunga a Tutti Voi dal mio selvaggio, puro bosco Selene, qui in Lanusei, dove un tempo le Sacerdotesse della luna danzavano nude attorno ai menhir per riempirsi dell’energia della Terra e, contemporaneamente, rendere feconda l’unione col cielo ché “ciò che sta Sotto sta, comunque, Sopra”.
Che in questi duri tempi di guerra pianificata da pochi folli, anni di troppo dolore e carestia, comunque di cambiamenti annunciati e necessari all’evoluzione umana; ci tocchi autentica Trasformazione. Specchio del Cristo che ha concluso una Grande Opera, raffigurato con le tre dita alzate: la passione, la morte (delle illusioni umane, prettamente materiali) e il cambiamento interiore volto alla conoscenza; soltanto chi conosce non teme. Vi giunga Purezza amici, e tutto il mio Affetto.




(Scatto di Roberto Collari, mio figlio)

Nessun commento:

Posta un commento

Sulle dinamiche perverse nell’uomo: essere o dover apparire ‘umili’?. Fede ( appunti, 2018: l’irrimediabile condizione di esseri individuali come origine primordiale del dolore umano? - II )

(...) in verità mi domando: quanto ci adattiamo, attraverso un ruolo pubblico o nella vita privata, a dinamiche perverse di vit...