mercoledì 5 aprile 2017

E penso al mio Mare...






L'odore del mare mi giunge a zaffate e stordisce, nonostante la lontananza: è pianura di oro calmo, è il ricordo di altre età. Supera gli scogli rossi e un canto ruffiano di merli, un campanile di paese che raggranella speranze; sfiora e distrae dalla siesta, mi chiama...chiama! Vale la pena vivere anche soltanto per potercisi immergere, una volta ancora.




(da 'Riflessioni, Pensieri')


Nessun commento:

Posta un commento

Sulle dinamiche perverse nell’uomo: essere o dover apparire ‘umili’?. Fede ( appunti, 2018: l’irrimediabile condizione di esseri individuali come origine primordiale del dolore umano? - II )

(...) in verità mi domando: quanto ci adattiamo, attraverso un ruolo pubblico o nella vita privata, a dinamiche perverse di vit...