mercoledì 5 aprile 2017

E penso al mio Mare...






L'odore del mare mi giunge a zaffate e stordisce, nonostante la lontananza: è pianura di oro calmo, è il ricordo di altre età. Supera gli scogli rossi e un canto ruffiano di merli, un campanile di paese che raggranella speranze; sfiora e distrae dalla siesta, mi chiama...chiama! Vale la pena vivere anche soltanto per potercisi immergere, una volta ancora.




(da 'Riflessioni, Pensieri')


Nessun commento:

Posta un commento

L' eterno alibi per non fare

Non amai che la rosa che non colsi. E' semplice dire, delusi, "Avrei voluto ma...", o "Volevo farlo ma mi è st...