domenica 2 aprile 2017

Questo lungo Cammino





Sono stata per anni una sterile salottiera di buon talento, stordita da ombelico e premi letterari, testarda e superba, con quella rabbia del riscatto tipica di chi nasce dal niente, e col niente cresce. Alla figura di mia madre, amatissima, fragile e schizofrenica (dalla sua malattia è nato il mio ‘Mater Doloris’), ha ‘supplito’ nella mia prima educazione letteraria mio padre, un semplice poeta-contadino con la passione per le arti, che mi iniziò a modo suo -con quella durezza tipica di una generazione allevata a fascio e cipolla- allo studio dei classici…ricordo che non avevo ancora compiuto sei anni e già conoscevo a memoria i primi passi della Divina Commedia.
Una cosa in particolare m’insegnò mio padre, ripetendolo fino alla morte: “Non dimenticare mai da dove vieni. Non 'chi sei', ma da dove vieni”. Solo col tempo avrei capito il significato di questa frase. Ovvio cambio hanno sortito in me i tre tentativi di omicidio subiti e la quasi morte, i lunghi anni trascorsi nel mio ‘pozzo nero’, quella depressione che ne e’ venuta, quindi la chiusura alla società e alla mia arte. Il ‘ritorno’, i viaggi nel resto nel mondo, nell’altrui sofferenza. Eppoi l’amore puro, finalmente vero per mio marito Gabriel e i nostri sei figli.
Devo dire che la vita mi ha regalato tanto, nonostante il dolore che a volte credo sia stato necessario, fisiologico a quella ragazzina superba.
Con l’esperienza ho imparato quanto con la mia professione si possa e si debba fare per gli altri, quanto l’ombelico e gli specchi a poco servano. Quanto sia fondamentale la conoscenza di noi stessi quindi quella altrui, per scriverne: un viaggio continuo, un messaggio costante, anche scomodo.
Ma vero; questo me lo devo nel rispetto del dono di un dio burlone o della Natura, di una letteratura che, oggi più che mai, ha il dovere di farsi impegno civile, fuori dall’acritico, dall’apolitico, dallo sterile: specchio della realtà.
Un cammino a piedi scalzi, appunto. Lungo: so che durerà una vita.





(da 'Riflessioni, Pensieri')


Nessun commento:

Posta un commento

Sulle dinamiche perverse nell’uomo: essere o dover apparire ‘umili’?. Fede ( appunti, 2018: l’irrimediabile condizione di esseri individuali come origine primordiale del dolore umano? - II )

(...) in verità mi domando: quanto ci adattiamo, attraverso un ruolo pubblico o nella vita privata, a dinamiche perverse di vit...