lunedì 17 luglio 2017

Mia riflessione su Politica e Arte per la Testata 'Saman', del Giornalista Enrico Nascimbeni, Direttore editoriale Achille Saletti






L'Arte può, deve indurre al confronto critico Quando e Se tempi ed eventi lo richiedono?. Deve insomma fare politica o si deve soltanto succhiarne sterile bellezza?. Rispetto ma non sono d'accordo con quanti vorrebbero vedere l'artista 'apolitico', acritico. Già in troppi rimangono, per convenienza o forse, peggio, per disinteresse, politicamente 'in mezzo'. L'artista, in realtà, ha o dovrebbe sentire una profonda responsabilità: viviamo un periodo sociale storico e politico di profonda crisi mondiale; di guerra: l'Arte può e, a mio parere deve, rappresentare potente mezzo di riflessione, messaggio costante e pure fastidioso per la Massa stordita da televisione e social, da un sistema che vorrebbe l'uomo omologato, pecora, ignorante della Storia e dei propri diritti quindi non in grado di domandarne il rispetto. Un uomo non pensante. O si sta con quanti davvero necessitano di aiuto o si sta contro; non vedo e, in questo, non voglio vedere vie di mezzo ché detesto l'ipocrisia, certo disinteresse ruffiano. Esistono momenti, nella vita, nei quali è un obbligo, non una scelta, prendere una posizione chiara, e l'Arte fa la Storia. Segnalo questa mia, ripresa dalla Testata di attualità, arte e cultura ‘Saman’, fondata e diretta dal Giornalista e Scrittore Enrico Nascimbeni, Direttore Editoriale Achille Saletti. Il mio Grazie alla Redazione, da sempre ammirevolmente impegnata nel Sociale: http://borderonline.it/2017/07/16/lartista-ha-lobbligo-morale-di-prendere-una-posizione-politica-giovanna-mulas/



1 commento:

  1. Esistono momenti, nella vita, nei quali è un obbligo, non una scelta, prendere una posizione chiara, e l'Arte fa la Storia.

    RispondiElimina

Sulle dinamiche perverse nell’uomo: essere o dover apparire ‘umili’?. Fede ( appunti, 2018: l’irrimediabile condizione di esseri individuali come origine primordiale del dolore umano? - II )

(...) in verità mi domando: quanto ci adattiamo, attraverso un ruolo pubblico o nella vita privata, a dinamiche perverse di vit...