martedì 3 ottobre 2017

Spagna, violenze e indipendenza






Spagna... . Noi sardi non possiamo che comprendere questa dignitosa, forte resistenza mirata ad una indipendenza che prima o poi va riconosciuta anche su carta; se davvero il popolo è sovrano. Comunque la si pensi sul tema, restano aberranti le violenze su disabili, donne, bambini ed anziani, ampiamente documentate e diffuse nel mondo. Voglio soffermarmi sui palmi di certe mani, dipinte di bianco e mostrate in segno di pace alla policia, o agli abbracci donati alle guardie violente: gesti ammirevoli, generosi, terrorizzati o forse no. Ma la mancanza di pane è già una violenza, l'assenza di lavoro è ancora violenza, le bugie alla popolazione rappresentano violenza quotidiana, spingere gli uomini al suicidio o a dormire in auto coi figli perchè sfrattati è violenza, e della peggior specie. Alla violenza continuata, prepotente e soprattutto impunita, non si può continuare a rispondere abbassando la testa;
dalla ragione, perdonatemi, si scivola velocemente nella stupidità. Un riferimento alla nostra Italia non è puramente casuale.





Nessun commento:

Posta un commento

La mia Poetica in Romania

Cari Amici, Cari Lettori, buone nuove. La mia poesia ora è tradotta e diffusa anche in rumeno grazie alla traduttrice per la Rom...