domenica 4 marzo 2018

Non si sceglie Chi e Quando amare








Non si sceglie Chi e Quando amare, si ama e basta. Sovente, pur di vivere una vita consapevole, scelta e non subita, è necessario destarci o destare con durezza chi ci cammina al fianco; ma in fondo è la stessa durezza/resistenza della Natura, Colei che spinge alla conservazione del più forte...
Ché il disamore di un solo componente della coppia non può che portare dolore ad entrambi, crepare un intero templio che domanda rispetto, sacralità e soprattutto, ancora, Amore. Siamo Uomini; pensanti o meno ma non in grado di accettare una realtà di annichilimento.
E’ un poco come un bambino rimasto orfano, che vive la guerra: spossato, strappato dentro e fuori, infangato, in un attimo di tregua dagli eventi riesce ad addormentarsi piangendo tra un’auto bruciata (ciò che avrebbe potuto portarlo lontano), e le macerie di una scuola (quella che doveva insegnargli e non ha fatto, o semplicemente non ha avuto il tempo per farlo).
Una mano forte, l’inaspettata in quel momento, desta il bambino per trascinarlo fuori da un luogo che non gli appartiene, e che forse non gli è mai appartenuto, neppure durante le giornate di sole.
-Hey! C’è un altro mondo, fuori da questa cornice-.
La mano odora di buono e il bambino la stringe, la segue....Che ha da perdere, ora?. Ah, Che dono quella mano! E’ una nuova nascita per il bambino, una vita nuova, lontano dalla guerra.
Ma a volte, solo a volte, l’Amore non basta a salvare l’amore: la mano continua a porgersi come prima ma il bambino non la vede, teme il passato che potrebbe accadere ancora, e ancora; torna a proteggersi tra le sue macerie, pensandosi sicuro dalla vita che lo chiama, lo domanda nonostante.
Bambino ricorda il mondo, fuori da questa cornice.




Nessun commento:

Posta un commento

Novità in Libreria per il 2018 / 2019

Cari Amici, Cari Lettori, Cari Operatori culturali, Intanto desidero scusarmi con Voi Tutti per una certa mia prolungata assenza, ma...