domenica 4 marzo 2018

Votare







Comprensiva la delusione generale, ma invito ad andare a votare. Ricordiamo che il voto, oltre che palese dovere civico è, in base a dettato Costituzionale, “...personale ed eguale, libero e segreto”. Diritto e dovere nei confronti di chi ci circonda e, soprattutto, verso le nuove generazioni; di quanti cioè, con noi, formano la società. Non votare significa astenersi dal far valere volontà ed opinione: quando e se non ci si sente rappresentati si vota quella scheda bianca che, attraverso un’alta percentuale, attiverebbe in ogni caso una forte torchiatura sui partiti.
In questo particolare momento storico e politico reputo fondamentale porre al primo posto l’interesse generale della Nazione, anziché di un singolo o di un gruppo.



Nessun commento:

Posta un commento

Sulle dinamiche perverse nell’uomo: essere o dover apparire ‘umili’?. Fede ( appunti, 2018: l’irrimediabile condizione di esseri individuali come origine primordiale del dolore umano? - II )

(...) in verità mi domando: quanto ci adattiamo, attraverso un ruolo pubblico o nella vita privata, a dinamiche perverse di vit...